Questo blog vuole essere una semplice guida per fare cose carine, ma facili da fare. Molte di noi non hanno molta manualità, ma vorrebbero fare qualcosa con le proprie mani, pensano di non riuscire e non ci provano neanche. Invece vi consiglio di provare, e vedrete che magari la prima volta non sarà un capolavoro, ma poi con un pò di buona volontà e pazienza riuscirete a portare a termine il vostro lavoro!!! Grazie e buon lavoro.

domenica 23 febbraio 2014

Frappe veloci veloci

Le frappe a carnevale non devono assolutamente mancare, sono così semplici che ci possono riuscire tutti. Cominciamo con gli ingredienti :
  • 250 gr di farina
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • una noce di burro morbido
  • uno o due cucchiai di brandy o anice
  • 2 uova intere
  • un pizzico di sale
Mettiamo la farina sul tavolo, allarghiamola al centro e mettiamoci le uova leggermente sbattute, lo zucchero a velo, il brandy o l'anice, il sale e il burro morbido.
Mescoliamo il tutto con la forchetta , poi con le mani lavoriamo un pò e otterremo una bella pasta liscia . Stendiamo la pasta con il matterello, oppure con la macchinetta della pasta, io uso quella, verranno fuori delle belle striscie lunghe e sottili, come spessore arrivo a 4 1/2 , poi le taglio con la rotella seghettata, ma con il coltello va bene lo stesso, dandogli la forma di frappe. In una bella padella colma d'olio caldo cominciate a friggerne poche per volta, si formeranno sulla superficie delle bollicine, giratele subito perchè occorre molto poco, tiratele su, fate scolare l'olio e mettetele in un vassoio su cui avrete messo carta scottex. Sono pronte, cospargetele di zucchero a velo ed ecco fatto. Vengono molto sottili e delicate. 



Leggi

sabato 22 febbraio 2014

Copriamo le vetrine in casa

Molte volte in casa abbiamo dei mobili che hanno delle vetrine, sono molto carini però hanno il difetto che si vede tutto quello che c'è all'interno, se lo teniamo in ordine e lo usiamo solo per tenerci cose in bella mostra va tutto bene,  ma se lo usiamo come dispensa  è meglio non vedere, quindi bisogna trovare una soluzione che sia carina esteticamente. Questo era il mio caso! Su di una bancarella al mercato ho visto delle tovagliette dette all'americana, che non avevano niente di americano, ma che comunque andavano bene per quello che ci dovevo fare. Ne ho comprate quattro, eccone una. E' fatta di rafia intessuta su tela grezza. Carine, poi per quello che sono costate, veramente poco.


Ho tre vetrine, quindi tre le ho messe sui vetri e la quarta l'ho usata sul piano del mobile mettendoci sopra una fruttiera. Per attaccarle ho passato un filo di rafia agli angoli, che ho legato su dei chiodini che ho fissato                                                                            sul mobile.                                                                                                  



Leggi

Facciamo noi le saponette

Cosa ci fate con quei pezzetti di saponetta che sono ridotti a delle sottilette e si fa fatica  a farci uscire un pochino di schiuma per lavarci le mani? Di solito si buttano via e devo dire che è uno spreco e mi dispiace sempre un pò. Allora ho pensato di portarle a nuova vita . Conserviamo quel che resta di quelle che furono delle belle saponette e quando ne avremo accumulato un pò, le riduciamo in scaglie con una grattugia o con un coltello e le facciamo sciogliere in un pentolino a bagnomaria, mescoliamo fino a che non si sciolgono bene, attenzione a non far bollire. Se sono bianche possiamo anche aggiungere del colorante alimentare, bastano poche gocce. Poi versiamo il sapone sciolto negli stampini, vanno bene anche quelli da biscotti , e facciamo freddare il tutto per un giorno o due. Le saponette nuove sono pronte. Si possono anche fare piccole usando contenitori di silicone per fare cioccolatini, per  metterle poi in una ciotolina ber decorare il bagno.
 Se invece preferiamo quello liquido, facciamo sciogliere tre cucchiai di scaglie di sapone in 500 ml di acqua bollente, mescolare e controllare che il  tutto sia ben sciolto. Si possono aggiungere oli essenziali , tipo olio di jojoba, di mandorle ecc. e versare in un contenitore.

Leggi

Come rinnovare uno specchio

Oggi vi voglio far vedere come si può dare un nuovo look ad uno specchio alquanto anonimo.Qualche anno fa ho fatto una vacanza a Ponza e sulla spiaggia c'erano un'infinità di sassolini meravigliosi che brillavano al sole, mi sono armata di una busta e soprattutto di santa pazienza e ne ho raccolti parecchi . Chi è che non ha mai raccolto sassetti e conchiglie sulla spiaggia? Quando sono tornata a Roma li ho conservati in attesa di trovare un modo di come utilizzarli  e l'ispirazione è arrivata dopo qualche tempo. Avevo uno specchio senza neanche la cornice triste e vuoto conservato in cantina, ho pensato allora di fare una cornice direttamente sullo specchio. Ho calcolato una larghezza  di 7 cm e ho tracciato con una riga una linea tutta intorno con un pennarello per delimitare dove avrei messo i sassolini. Ho versato in un piatto di carta del Vinavil che ho leggermente allungato con dell'acqua e con un piccolo pennello ne ho steso un pò coprendo una piccola parte per volta, è meglio iniziare dall'alto e poi scendere, ed  ho cominciato ad attaccare i sassolini uno vicino all'altro. Poi ho steso un'altro pò di colla e ho attaccato altri sassolini e così via fino a coprire tutto lo spazio che volete diventi cornice. Ci vuole TEMPO e PAZIENZA , ma alla fine il risultato sarà ottimo. Bisogna lavorare con lo specchio su di un piano e non lasciarlo attaccato al muro. E questo è il risultato! Un altro specchio decorato con sassolini bianchi lo trovate qui.

                                                                                                     

Leggi

venerdì 21 febbraio 2014

Facciamo le castagnole?

Carnevale è proprio arrivato, camminando per la strada vedi coriandoli per terra, una volta erano piccoli piccoli ora sono enormi, boh  chissà perchè li fanno così. Passando davanti alle pasticceria è una tentazione continua e per strada senti odore di castagnole o frappe fritte.Tutto questo preambolo per darvi la ricetta delle castagnole. Allora ecco gli ingredienti:
  1. 250 gr di farina
  2. 130 gr di zucchero
  3. 2 uova
  4. 50 gr di burro o due cucchiai di olio
  5. 3 cucchiai di liquore aromatico 
  6. 2 cucchiaini rasi di lievito per dolci
  7. un pizzico di sale
  8. scorza grattata di limone
Versare in una ciotola grande o sul tavolo la farina, lo zucchero, il sale e il lievito, mescolare bene,  poi unire le uova , il burro fuso o l'olio, la scorza grattata del limone, il liquore e impastare per bene fino ad avere un impasto liscio. Se dovesse essere troppo duro unire poco latte, se mollo poca farina. Far riposare una decina di minuti e dopo formare delle palline grandi come noci. Friggerle in abbondante olio ben caldo a fuoco moderato altrimenti si bruciano fuori e rimangono crude dentro. Far scolare su carta che assorbe e poi cospargerle di zucchero. Nella foto in basso a sinistra ne manca una, nel momento che ho preso il cellulare per fare la foto è passato il maritino e non ha resistito. Ne vengono circa una trentina se sono poche raddoppiate la dose . Forse vi conviene.......



Leggi

giovedì 20 febbraio 2014

Trasformiamo l'acquario in terrarium

Quando mia figlia abitava ancora con noi, prima che si sposasse, desiderava avere un acquario, sembrava una cosa di vitale importanza. Mi convinse e facemmo questo benedetto acquario. All'inizio tutto bene, se ne occupava lei. Questo però è durato poco. Non parliamo dei soldi spesi fra pesci che morivano e piante che si seccavano, la pulizia che lei non faceva perchè non aveva tempo, così chi si doveva sobbarcare tutto il lavoro era sempre la sottoscritta. Non potevo certo vedere alghe attaccate ai vetri e far fatica a vederci dentro quindi lo facevo per forza. Poi quando si è sposata non l'ha voluto perchè a casa sua non aveva posto e quindi me lo ha lasciato. Ho resistito per qualche anno, poi per fortuna ha cominciato a perdere acqua in un angoletto, ho tolto tutto, tanto c'erano rimasti 3 pesci che non avrebbe voluto neanche il gatto. Ho comprato pure il silicone per turare il buchetto ma non l'ho mai aggiustato. E' rimasto così vuoto e triste per qualche tempo ancora, fino a che la mia mente non ha avuto un'idea geniale: metterci delle piante e trasformarlo in un terrarium. Mi sono documentata sul web e ho trovato molti esempi con nomi di piante che potevano vivere in un ambiente chiuso e senza troppa aria. Molti ci mettono animaletti tipo tartarughine o piccoli rettili, ma al pensiero che possono uscire fuori e girarmi per casa , mi tengo l'acquario triste e vuoto. Così mi sono messa all'opera, ho pulito bene i vetri dentro e fuori, o riutilizzato la ghiaia che c'era nell'acquario con l'acqua, ho sparso qua e là dei sassi  e messo dei tronchetti trovati in giro. Ho lasciato la luce che c'era prima, ho cercato le piantine che dicevano sul web ed ecco cosa ne è venuto fuori. Non è carino? Al centro ho messo una pianta che si chiama Hoia o pianta di vetro, di lato il noto Pothos. Le piante godono ottima salute e come elemento di arredamento fa la sua figura. Buon lavoro.






Leggi

Biscotti senza glutine

Salve,oggi vi darò la ricetta dei biscotti senza glutine che possono essere mangiati anche dai celiaci.Sono dei semplici frollini per fare colazione che possono essere spalmati di nutella, marmellata o miele. Gli ingredienti sono: 70gr di maizena, 70gr di fecola di patate, 70gr di farina di riso, 80gr di burro morbido, 100gr di zucchero, 1 uovo + 1 tuorlo, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino di lievito per celiaci. In una larga ciotola o sul tavolo mettere le farine con il lievito e far incorporare bene il burro lavorando con le mani. Poi unire l'uovo intero e il tuorlo, lo zucchero e il sale. Se l'impasto fosse troppo duro unire qualche goccia di latte , se troppo molle poca farina. Far riposare il tutto per 30 minuti in frigo.Dopo di che stendere la pasta e dare ai biscotti la forma che più preferite, o con una formina o a bastoncino, a vostro piacimento. Accendere il forno a 180° e mettere i biscotti in una teglia foderata da carta forno. cuocere per circa 15 minuti o fino a che non saranno dorati.Al posto delle tre farine differenti,al supermercato vendono gia farine miscelate , complessivamente userete così 210 gr di farina.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                
Buon appetito
Leggi

Le borse di carta intrecciata

Queste borse sono molto belle ma sono laboriose a farsi. Le ho viste fare da una signora che molto gentilmente mi ha spiegato come procedere. La carta che ho usato è carta da regalo o carta riciclata da giornalini.


Pochette con carta da regalo




                                                      Borsa con carta musica fotocopiata 
                                             
                                            
                                      


Pochette con fogli di parole crociate tutte regolarmente scritte





                                              questa con fogli del giornaletto di Topolino
                                      

                                               queste sotto ancora con carta da regalo
                                                                                                                        




.

                                                                       


                                                           
I








                     
                                                               
Leggi

mercoledì 19 febbraio 2014

Oggi ho fatto il pane

Oggi vista la giornata uggiosa ho voluto fare il pane. La ricetta è facilissima e il pane buonissimo.
Ecco le dosi :
250gr farina 0 
250gr farina Manitoba (si trova facilmente nei supermercati)
300ml di acqua tiepida
12 gr di lievito di birra (mezzo panetto)
un cucchiaino di zucchero
un cucchiaino di sale 
50 gr di olio
 In un pò d'acqua tiepida dei 300ml sciogliere il lievito e lo zucchero, nella restante acqua mettere l'olio e il sale. Versare le farine in una ciotola o sul tavolo e versare a filo l'acqua con il lievito e quella con l'olio, impastare per bene e lavorare per circa 10 minuti. Se  fosse un pò appicicaticcia unire poca farina . Far lievitare in un posto caldo, io ho coperto l'impasto con della pellicola e l'ho messo nel forno spento. Dopo circa 2 ore avrà raddoppiato di volume, formare delle pagnottelle metterle in una teglia con carta forno e far lievitare ancora per un'oretta. Far scaldare bene il forno fino a 200° e cuocere i panini per circa 40 minuti.o fino a che saranno ben dorati. Si sentirà un profumo delizioso e poi volete mettere la soddisfazione di farsi il pane da sole!!!!!





                                                                ecco il pane appena sfornato
     

Leggi
Immagini dei modelli di UteHil. Powered by Blogger.

© Centomilaidee, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena